previsioni meteo

  • AGOSTO 2015

    Agosto 2015

     

    Ancora una volta siamo quì a scrivere di un'altro mese , che per la provincia di Lecce , si è chiuso sopra media termica esattamente + 1.19 °C rispetto al periodo 81/10 , le temperature di agosto  dovrebbero avere un valore medio di 25.70 °C mentre il 2015 ha chiuso con 26.89 °C ; ad una prima decade molto calda ( + 2.32 °C ) è seguita una seconda leggermente sopra media ( + 0.49 °C ) , ed una terza anch'essa calda ma non come la prima ( + 0.82 °C ) .

  • APRILE 2015

    Aprile

     

    Il mese centrale della primavera meteorologica ha avuto un andamento dai due volti, tipico di questa stagione, ad una prima decade più fresca con temperature sottomedia, è seguita una seconda e terza decade più mite  con temperature sopra media. Le piogge sono state poche rispetto a quanto normalmente dovrebbe piovere  e si sono concentrate nella prima parte e poi negli ultimi giorni del mese in particolare il 30.

  • Bollettino protezione civile criticità rossa per giovedi 22 ottobre

    allerta meteo protezione civile puglia

    La protezione civile ha pubblicato i consueti bollettini di vigilanza meteorologica nazionale e di criticità idrogeologica per le prossime ore: le previsioni del Centro Funzionale Centrale – Settore Meteo confermano la grande preoccupazione per le prossime ore e soprattutto per la giornata di domani, giovedì 22 ottobre, con criticità rossa nella Puglia meridionale, arancione in Basilicata, Calabria, Sicilia settentrionale e zone interne della Campania. Attese piogge torrenziali soprattutto in Calabria, Basilicata e Puglia.

    IL BOLLETTINO PER DOMANI, GIOVEDI’ 22 OTTOBRE:

    Precipitazioni:
    – da sparse a diffuse, anche carattere di rovescio o temporale, su Calabria, Basilicata ionica e Puglia centro-meridionale, con quantitativi cumulati da moderati ad elevati, fino a puntualmente molto elevati sulla Calabria ionica e sulla Puglia meridionale;
    – sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui Sicilia settentrionale, Campania meridionale, resto della Basilicata e Puglia centrale, con quantitativi cumulati generalmente moderati;
    – da isolate a sparse al mattino, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna centro-meridionale, sulle restanti zone di Sicilia, Campania e Puglia e su Lazio meridionale e Molise, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati.
    Visibilità: nessun fenomeno significativo.
    Temperature: in generale calo nei valori massimi sulle regioni meridionali, localmente anche sensibile.
    Venti: forti dai quadranti settentrionali sulle regioni centro-meridionali e sull’alto versante adriatico e Liguria, con rinforzi di burrasca su isole maggiori, Toscana, alto Lazio, Campania, settori adriatici centro-meridionali e settori ionici peninsulari.
    Mari: da molto mossi ad agitati tutti i bacini centro-meridionali; localmente molto mossi i bacini settentrionali.

    IL BOLLETTINO PER DOPODOMANI, VENERDI’ 23 OTTOBRE:

    Precipitazioni: da isolate a sparse al mattino, anche a carattere di rovescio o temporale, su Puglia meridionale, settori ionici di Basilicata e Calabria e sulla Sicilia settentrionale, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati.
    Visibilità: nessun fenomeno significativo.
    Temperature: senza variazioni di rilievo.
    Venti: localmente forti dai quadranti settentrionali su tutte le regioni centro-meridionali, con rinforzi di burrasca fino a burrasca forte al meridione, in particolare su Puglia e zone ioniche.
    Mari: agitati i bacini meridionali, fino a localmente molto agitato lo Ionio; molto mossi i bacini centrali, agitati la mattina i mari prospicenti la Sardegna.

  • DICEMBRE 2015

    DICEMBRE

    Il primo mese dell'inverno - proseguendo nel trend che sembra oramai inarrestabile - ha chiuso con una anomalia positiva ( in provincia di Lecce ) di + 0.52 °C . La temperatura media mensile nel 2015 è stata di 10.99 °C , contro la media di riferimento 81/10 di 10.47 °C .

    Entrando nel dettaglio delle decadi scopriamo che la prima è stata più calda del normale con + 0.61 °C , la seconda leggermente più fresca della media  con - 0.14 °C , e la terza - la più calda - con + 1.05 °C .

  • EFFETTO SERRA

    effetto serra come funziona

     

    Negli ultimi tempi , questa frase è diventata di dominio pubblico , tutti chi più chi meno avranno sentito parlare di effetto serra ; e spesso a questo termine viene associato un qualcosa di negativo o meglio di dannoso . 

  • ESTATE 2015

    Estate 2015

     

    In Italia l'estate 2015 verrà ricordata come la terza più calda dal 1800 , con una anomalia di + 2.30 °C rispetto alla media di riferimento 71/00 .

    Nel leccese nonostante sia stata molto calda , con una anomalia di + 1.73 °C rispetto al periodo di riferimento 71/00 , non è stata - contrariamente a quanto si può pensare - la più calda degli ultimi anni , infatti non è riuscita  a battere l'estate 2012 che con un'anomalia di + 2.65 °C risulta essere la  più calda degli ultimi 7 anni nella nostra provincia .

  • ESTATE 2016

    Estate 2016

                                                                               Grafico relativo alle temperature medie dell'estati 2011/2016  

     

    In Italia i valori medi di temperatura dell' estate 2016 , secondo i dati dell' isac-cnr , sono stati  più caldi rispetto alla media di riferimento 1971/2000 di + 0.95 °C .

  • FULMINI E TUONI

    20150131195009 fulmine

    Uno dei fenomeni più pericolosi e allo stesso tempo più affascinanti che la Natura possa offrirci è senza dubbio il fulmine , la sua pericolosità risiede nel fatto che il suo arrivo non è preceduto da nessun segnale premonitore , salvo rari casi ; anche per questo i temporali - generatori di fulmini - richiamano nella gente un timore ancestrale , e in fondo non c'è da meravigliarsi , visto che se non si riesce a trovare un riparo adeguato il fulmine può ferire o uccidere !

  • GENNAIO 2017 UN MESE MEMORABILE

    056

    Come anticipato nel titolo , il mese di gennaio 2017 , entrerà negli annali climatologici salentini per la sua straordinarietà .

    Un evento di tale portata non si verificava , in particolare sul leccese , dal lontano marzo 1987 , ( anche se quest'ultimo a mio modesto parere rimane imbattuto sia come durata , sia come intensità e quantità di neve caduta ) . In alcune località - soprattutto della costa ionica e adriatica leccese - la neve caduta ha raggiunto i 40/50 cm di altezza , un valore notevole che scrive una pagina di storia per queste zone . 

  • GIUGNO 2015

    Giugno 2015

    Il primo mese estivo è stato caratterizzato , termicamente , da un andamento contrapposto , ad una prima e seconda decade abbastanza calde è seguita una terza alquanto fresca e nel complesso ha chiuso in media ; per quanto riguarda le precipitazioni , sono state presenti , ma in misura minore rispetto alla media e concentrate principalmente nella giornata del 17 . Come sempre entriamo nel dettaglio dando un pò di numeri .

  • I SANTI DI GHIACCIO

    santiGhiaccio

    In vista del brusco calo delle temperature nel fine settimana (niente di particolare torneremo semplicemente in media termica o poco sotto dopo il caldo di questi giorni), sembra voler essere parzialmente rispettata la tradizione popolare dei Santi di Ghiaccio.

  • I TEMPORALI E I MOSCERINI

    moscerini

    In una bella giornata primaverile o estiva decidiamo di fare una passeggiata in campagna, mentre osserviamo la bellezza e la floridezza della natura il nostro sguardo non può ignorare uno sciame di moscerini che volteggia proprio sulla punta di un albero; sarà un caso oppure ci sarà qualche essenza particolare ad attirarli ? Poco più avanti un altro albero, di specie diversa da quello visto prima , con la stessa situazione ; a questo punto capiamo che il motivo di quello sciame in quella posizione sarà sicuramente un altro.

  • IL CIELO BLU

    cielo blu e montagna di neve 1618168040

     

    Con le belle giornate è facile alzare gli occhi e vedere un bel cielo blu, ma vi siete mai chiesti perché il cielo ha quell'incantevole colore?

  • IL DUST DEVIL O PER I SALENTINI " LA CAPIDDHRUTA "

    dust devil by unlocked stock

     

    I dust devil o " diavoli di polvere " , sono fenomeni che esercitano un certo fascino , e sono tipici delle zone aride , come i deserti o i territori molto secchi ; la loro forma richiama molto quella delle trombe d'aria , ma la loro grandezza e la loro genesi è completamente diversa , in genere le dimensioni sono molto piccole e l'altezza del cono di sabbia e polvere non va oltre i 300 - 500 metri . 

  • IL SOLE APPARENTE

    sole

     

    Tra le categorie dei fenomeni ottici troviamo quello della rifrazione della luce, che subisce deviazioni ogni qualvolta passa da un mezzo trasparente a un altro di diversa densità.

  • INVERNO 2015/16 UNA STAGIONE MAI COMINCIATA !

    Cattura inverno 

                                                        Grafico delle temperature medie relative all'inverni 2010/11 - 2015/16 sulla stazione di Veglie 

     

    Come ben evidenziato nel titolo , la stagione invernale appena passata , non è mai cominciata ; a parte l'episodio di metà gennaio degno di nota  , i tre mesi invernali sono passati nell'assoluto anonimato ; anzi se proprio vogliamo dirla tutta si è fatta notare per gli eccessi di caldo ( vedi mese di febbraio ) .

  • L'AFA E L'INDICE DI CALORE

    caldo afa

    Durante la stagione calda ( maggio - settembre ) si sente spesso parlare di caldo afoso , e spesso si tende a fare confusione tra questo tipo di caldo e quello torrido , ma allora che cos'è l'afa?

  • LA BREZZA

    brezza marina corsi di kitesurf vada spiage bianche

     

    A iniziare dalla primavera, ma ancor più in estate, spesso sentiamo parlare nelle previsioni del tempo di venti a regime di brezza o più semplicemente di brezze lungo le coste; ma cosa ci vogliono dire i previsori, innanzitutto siamo in una situazione favorevole nel senso che le brezze sono tipiche delle giornate belle e stabili, e che vedono come condizione necessaria la presenza del sole.

  • LA PICCOLA ETA' GLACIALE

    Piccola età glaciale

    Il periodo compreso tra il 1550 e il 1850 fù il più freddo dall'epoca dell'ultima grande glaciazione ( terminata circa 10.000 anni fà ) , e perciò gli storici del clima l'hanno definita " la piccola età glaciale " .

  • LE TERMICHE E I CUMULI

    24Cumulo congestus

    Nel periodo primaverile ma soprattutto estivo capita di assistere durante la giornata alla formazione di nubi dette a sviluppo verticale come i cumuli; queste nuvole nascono quando una massa d’aria calda, immersa in una zona in cui l’aria ha temperatura più bassa, tende a salire verso l’alto a causa della spinta di Archimede o “ spinta di galleggiamento “ , un po’ come a quello che succede ad una mongolfiera o ad una palla affondata nell’acqua che appena viene rilasciata schizza verso l’alto.